Contenuto principale

Manifestazioni di sorte locale (tombole, lotterie, pesche di beneficenza)

lotteria

Possono essere organizzate da enti morali, associazioni e comitati senza fini di lucro, dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e da partiti o movimenti politici purchè, per questi ultimi, svolte nell'ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi.

Per tombole si intende la manifestazione di sorte effettuata con l'utilizzo di cartelle portanti una data quantità di numeri (dal n. 1 al n. 90) con premi assegnati alle cartelle nelle quali, all'estrazione dei numeri, per prime si sono verificate le combinazioni stabiliteLa vendita delle cartelle deve essere limitata al comune in cui la tombola si estrae e ai comuni limitrofi.

Per lotteria si intende la manifestazione di sorte effettuata con la vendita di biglietti staccati da registri a matrice, contrassegnati da serie e numerazione progressive.

Per pesche o banchi di beneficenza si intendono le manifestazioni di sorte effettuate con vendita di biglietti, le quali, per loro organizzazione, non si prestano per la emissione di biglietti a matrice, una parte dei quali è abbinata ai premi in palio.

Requisiti per l'esercizio dell'attività: 

Lo svolgimento dell'attività è subordinato al possesso dei requisiti soggettivi previsti dalla normativa antimafia.

Modalita di esercizio: 
Tombola

Le cartelle devono essere contrassegnate da serie e numerazione progressiva.

I premi posti in palio non devono eccedere la somma di € 12.911,42.

Per organizzare una tombola è necessario presentare, almeno 30 giorni prima della data prevista, comunicazione al Comune in cui è effettuata l'estrazione (il quale provvede a trasmetterne copia al Prefetto), unitamente ad un regolamento con la specificazione dei premi e con l'indicazione del prezzo di ciascuna cartella. La norma statale impone poi il versamento di una cauzione presso la Tesoreria provinciale pari al valore dei premi promessi (prezzo d'acquisto o valore normale degli stessi). Entro trenta giorni dall'estrazione, l'ente organizzatore dichiara all'ufficio l'avvenuta consegna dei premi. L'ufficio, verificata la regolarità della documentazione prodotta, dispone l'immediato svincolo della cauzione.


Lotteria

I premi possono consistere solo in servizi e beni mobili (escluse quindi somme di denaro).

La lotteria è consentita se la vendita è limitata al territorio della Provincia.

L'importo complessivo dei biglietti che possono essere emessi non deve superare la somma di € 51.645,69.

Per organizzare una lotteria è necessario presentare, almeno trenta giorni prima della data prevista, comunicazione al Comune in cui è effettuata l'estrazione (il quale provvede a trasmetterne copia al Prefetto), unitamente ad un regolamento nel quale sono indicati la quantità e la natura dei premi, la quantità ed il prezzo dei biglietti da vendere, il luogo in cui vengono esposti i premi, il luogo ed il tempo fissati per l'estrazione e la consegna dei premi ai vincitori.


Pesca di beneficenza

La pesca o banco di beneficenza è consentita se la vendita è limitata al territorio del Comune ove ha luogo la manifestazione. Per questo tipo di manifestazione non è prevista l'emissione dei biglietti a matrice.

Il ricavato non deve eccedere la somma di € 51.645,69.

Per organizzare una pesca di beneficenza è necessario presentare, almeno trenta giorni prima della data prevista, comunicazione al Comune in cui è effettuata l'estrazione (il quale provvede a trasmetterne copia al Prefetto), indicando il numero dei biglietti che si intende emettere ed il relativo prezzo.

E' vietata ogni sorta di lotteria, tombola, riffa e pesca o banco di beneficenza, nonché ogni altra manifestazione avente caratteristiche analoghe. Sono tuttavia consentite lotterie, tombole, pesche o banchi di beneficenza promosse da:

  • enti morali, associazioni e comitati senza fii di lucro, aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi disciplinati dagli artt. 14 e seguenti del Regio Decreto 16/03/1942, n. 262 "Codice civile", e dalle organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all'art. 10 del Decreto Legislativo 04/12/1997, n. 460, se dette manifestazioni sono necessarie per far fronte alle esigenze finanziarie degli enti stessi; 
  • partiti o movimenti politici di cui alla Legge 02/01/1997, n. 2, purchè svolte nell'ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi. In caso di svolgimento al di fuori delle dette manifestazioni si applicano le disposizioni previste per i soggetti di cui al primo punto; 
  • le tombole effettuate in ambito familiare e privato, per fini prettamente ludici.

L'estrazione è pubblica. Le modalità sono portate a conoscenza del pubblico presso tutti i Comuni interessati. Nell'avviso sono indicati gli estremi della comunicazione fatta al sindaco e al prefetto, il programma, le finalità che ne motivano lo svolgimento, la serie e la numerazione dei biglietti e delle cartelle messe in vendita. L'estrazione è effettuata alla presenza di un incaricato del sindaco. Al termine dev'essere redatto un processo verbale da inviare al prefetto e al sindaco.

MODULISTICA:

PROCURA per la presentazione delle pratiche

Elenco dei moduli compilabili e da scaricare

UFFICIO DI COMPETENZA E MODALITA' DI PRESENTAZIONE:

SUAP - Sportello Unico dell'Estense

VERSAMENTO DIRITTI D'ISTRUTTORIA (alla presentazione della pratica):

Diritti d'istruttoria SUAP