Contenuto principale

LUOGHI STORICI DEL COMMERCIO

La gelateria “Vaniglia e Cioccolato” è il nuovo locale atestino iscritto nell'Elenco Regionale dei Luoghi Storici del Commercio.
Gallana: «Un'attività artigiana esempio per Este. Esempio del saper fare impresa, vanto per la tradizione di un prodotto di qualtà».

Casalinghi Battaglia Roberto, Albergo Ristorante Leon d'Oro, Rizzo Sport, Gioelleria Ferro Nereo, Fioreria Michelotto: sono le attività commerciali atestine iscritte nell'Elenco Regionale dei Luoghi Storici del Commercio a cui si è aggiunta la gelateria Vaniglia e Cioccolato. Nelle scorse settimane la Regione Veneto lo ha comunicato al Comune di Este invitando l'ente a collaborare con il locale storico, per il perseguimento delle finalità di promozione del territorio, e a vigilare in ordine al mantenimento di questo requisito. Il locale potrà utilizzare il logo dei locali storici del Veneto abbinandolo al logo del Comune di Este (Città di Este), con il quale, come previsto dalla normativa regionale, dovrà attivarsi per la realizzazione di iniziative di carattere culturale di valorizzazione del territorio al fine di mantenere i requisiti previsti dalla Regione Veneto. E' imprescindibile, infatti, che permanga l' “interazione tra il luogo storico del commercio e le politiche attive di rilanzio dell'offerta locale” messe in atto dal Comune.

«E' riconosciuto il ruolo dei prodotti tipici nella costruzione e promozione del brand di un territorio o di un comune – dichiara il vicesindaco Aurelio Puato, che ha la delega alle attività produttive -. Al punto che qualcuno è disposto perfino a inventare di sana pianta una tradizione gastronomica pur di trovare un'identità. Noi non abbiamo bisogno di inventare nulla perché prodotti unici, distintivi e dalla lunga tradizione li abbiamo. Penso al prosciutto Veneto Berico-Euganeo DOP ma anche alla ceramica, uscendo dall'ambito gastronomico. E a proposito di gelati è riconosciuta la tradizione della “pannaghiaccio”, di cui parlammo anche in Consiglio Comunale. Come Amministrazione confermiamo l'interesse a valorizzarla, anche con l'istituzione del registro delle denominazioni comunali di origine (De.C.O.), il cui iter abbiamo avviato in questi giorni, utile per attestare l'orgine dei prodotti e il loro legame storico con il territorio comunale, nel quale potrà essere inserita a pieno titolo ».

La gelateria ha aperto i battenti nel 2002 ma ha radici lontane, nell'attività di famiglia che procede ininterrotta da 70 anni.
«Ci contraddistingue la passione per la qualità e per la ricerca di nuovi gusti – afferma Giuseppe Schizzerotto - il tutto condito da buone dosi di intuizioni imprenditoriali e un pizzico di fantasia. Credo nell'importanza di valorizzare i collaboratori, nella formazione e nell'aggiornamento continui, nell'innovazione di prodotto che si fonda sulle solide basi della tradizione, che nella nostra famiglia si tramanda di patre in figlio. A volte con mio padre mi sono scontrato per un diverso modo di pensare e di concepire il lavoro – ammette Schizzerotto - Ma a lui devo tutto. Tutto quello che ho imparato e realizzato nella vita».
«Se l'esperienza della mia attività artigianale sarà di esempio e ispirazione per altri imprenditori e gelatieri ne sarò felice – aggiunge -. Così come mi impegnerò, insieme all'amministrazione comunale, nella promozione di Este attraverso il mio lavoro e attraverso il prodotto “pannaghiaccio”. A tale proposito annuncio che stiamo pensando a un evento ad hoc da realizzare a giugno».

Puato Schizzerotto Gallana ottobre 2018