Contenuto principale

POLIZIA LOCALE - Servizio associato (SAPLE) allargato a 7 Comuni

GALLANA: «LE PRINCIPALI NOVITA': POLITICHE COORDINATE IN UN TERRITORIO DI 166 KMQ E 30.000 ABITANTI, CON UN ORGANICO DI 20 AGENTI. NUOVA SEDE DISTACCATA DEL COMANDO AD ARQUA' PETRARCA. POLITICHE PER LA SICUREZZA EFFICACI SE CONDIVISE E CON UNA VISIONE EXTRA-COMUNALE».

Il “Servizio Associato di Polizia Locale Euganeo” (SAPLE), che dal dicembre 2016 ha preso il posto del “Distretto di Polizia Locale”, interessava fino ad oggi il Comune di Este, capofila e sede del Comando, e i comuni di Vo', Lozzo Atestino e Sant'Urbano. Ora il SAPLE si allarga ai Comuni dell'Unione dei Colli Euganei, Baone, Cinto Euganeo e Arquà Petrarca, dove sarà istituita una sede distaccata del Comando di Polizia Locale.

«Crediamo molto nelle collaborazioni tra Comuni per la gestione associata dei servizi - esordisce il sindaco Roberta Gallana. E' proprio per questo motivo che abbiamo accolto con favore la richiesta dell'Unione dei Comuni dei Colli Euganei (UCE) di unirsi al SAPLE. L'allargamento ai 3 Comuni dell'Unione aumenterà l'organico della Polizia Locale garantendo maggiore presidio del territorio, ci consentirà di ottimizzare le risorse umane e finanziarie, e soprattutto consentirà di migliorare i servizi resi ai cittadini. Una vera politica in tema di sicurezza non può infatti limitarsi ai confini territoriali ma deve comprendere comparti omogenei ben più ampi condividendo obiettivi, strategie e azioni da mettere in campo. Il nuovo ambito sarà di 166 Kmq e una popolazione servita che supera i 30.000 abitanti».

Raffo Gallana Mighela web

Il tema dell'allargamento del SAPLE è stato approvato nel Consiglio Comunale di ieri, mercoledì 19 settembre.

«I comuni aderenti al SAPLE – ha commentato il Consigliere con delega alla Sicurezza, Giuseppe Raffo – hanno condiviso unanimemente la bontà della proposta. Agli attuali 15 agenti (13 agenti più 2 ausiliari del traffico) si uniranno altri 5 agenti di Polizia Locale che saranno distaccati dall'Unione presso il Comando di Este. Assieme andranno a formare uno dei corpi più attrezzati della bassa sia in termini di uomini, ben 20 compreso il Comandante Mighela, che in termini di dotazione di mezzi».

«Gli effetti positivi delle azioni coordinate in tema di sicurezza - aggiunge il sindaco Roberta Gallana - ci danno ragione, e a testimoniarlo sono proprio i numeri. Rispetto al 2017 sono raddoppiati i verbali sull'osservanza dei regolamenti e delle ordinanze comunali, riferiti al rispetto della quiete pubblica, alla lotta al gioco d'azzardo, alla manutenzione delle aree private, al decoro urbano, alle norme a tutela dell'ambiente. Un'attività di controllo e prevenzione che, grazie anche all'utilizzo di nuove tecnologie, ha anche portato a 70 sequestri di autovetture non assicurate. Vogliamo fare però molto di più e quello di mettere assieme esperienze, mezzi e risorse tra Enti è un passaggio 'obbligato'. Anche il sistema tecnologico di controllo del territorio, dotato di lettori targhe, punti di ripresa dislocati nei punti più critici e videotrappole, gestito da un software analitico che consente di disporre di dati determinanti ai fini della vigilanza, potrà essere ancora più efficace se esteso a un territorio più ampio».

«Non dobbiamo dimenticare - chiosa il sindaco - che il contributo dei cittadini è fondamentale e può essere di grande aiuto, soprattutto se si utilizzano i canali giusti. Cito a solo titolo di esempio la nostra applicazione “1Safe”. Questa permette di segnalare in tempo reale eventi critici e potenzialmente pericolosi. Le segnalazioni vengono tutte verificate in tempo reale. Il Comune di Este figura al quinto posto in Italia, per numero di iscritti, tra gli enti che si sono dotati della app. Utilizzando gli strumenti messi a disposizione dal Comune, si aiuta l'Amministrazione e si contribuisce a migliorare la qualità del vivere la Città».