Contenuto principale

Al via il "mini master" di Assindustria Veneto Centro per gli imprenditori estensi

L’iniziativa è promossa dalla Delegazione di Este degli industriali in collaborazione con Niuko e con il patrocinio del Comune di Este. Sono 20 le imprese iscritte al progetto che si concluderà a febbraio 2019. Leadership operativa, passaggio generazionale, modelli 4.0, capitale umano e best practice

Blasi: «La cultura d’impresa è il nostro mantra per la crescita competitiva delle PMI».
Settimo: «Pieno sostegno a un progetto che punta allo sviluppo delle imprese e del territorio»

Un “mini-master” dedicato agli imprenditori dell’Estense per incentivare la cultura d’impresa e la managerialità con l’intento di supportare la crescita competitiva delle imprese e del territorio.

È la nuova sfida lanciata dalla Delegazione Assindustria VenetoCentro di Este in collaborazione con Niuko Innovation & Knowledge e con il patrocinio del Comune di Este per accelerare il processo di crescita manageriale delle imprese, fornendo un contributo in termini di competenze, aggiornamento e progettualità attraverso lo scambio di esperienze e best practices.

copertina mini master

Il percorso di formazione, che ha preso il via in questi giorni al Chiostro di S. Maria delle Consolazioni in Este e si concluderà a febbraio 2019, ha avuto l’adesione di oltre 20 imprenditrici e imprenditori estensi di diversi settori, come meccanica, abbigliamento, agroalimentare, consulenza. Capitani d’azienda che hanno deciso di aggiornare le proprie competenze su modelli organizzativi efficienti, tecnologie digitali, buona governance, capitale umano e motivazione dei collaboratori.
Un focus è dedicato alla leadership operativa e al passaggio generazionale, per condividere e divulgare strategie e competenze che consentano di gestire in modo efficace uno dei momenti più delicati nella vita dell’impresa. Altri riguarderanno i modelli organizzativi e l’impatto della trasformazione 4.0 sulla relazione di fiducia con il proprio mercato. I partecipanti si cimenteranno con strumenti innovativi come il Business Model Canvas che utilizza il linguaggio visuale per sviluppare nuovi modelli di business. Il percorso prevede l’utilizzo integrato di lezioni in aula, discussione di casi aziendali, simulazioni e lavori di gruppo per una logica di “learning by sharing”.

«Per stare nel mercato con successo bisogna puntare sulla cultura d’impresa, sulla capacità di innovare e migliorare la governance, in poche parole facendo crescere l’impresa a tutto tondo. È questo il nostro mantra per supportare la crescita competitiva delle imprese e del territorio - dichiara Francesco Blasi, Delegato di territorio Assindustria VenetoCentro di Este -. Il progetto punta anche a un’evoluzione della gestione di tipo familiare, che spesso caratterizza le nostre PMI, verso un modello in cui le imprese, senza perdere il proprio dna e la propria tradizione, si aprono a competenze nuove, innovative, manageriali in grado di favorire la continuità di impresa e di creare opportunità di business. La sfida di Industria 4.0 e di nuovi modelli organizzativi è decisiva per il nostro futuro».

«Un plauso alla Delegazione atestina di Assindustria VenetoCentro per aver ideato e organizzato un percorso formativo così importante rivolto agli imprenditori - sottolinea Sandra Settimo, Consigliera Comunale di Este con delega alle Politiche del Lavoro -. Il Comune di Este ha sostenuto fortemente l'iniziativa, in quanto il lavoro è parte importante della struttura sociale. L'equilibrio economico è essenziale per ogni impresa, ma lo è ancora di più l’equilibrio territoriale. I capitali sono importanti per lo sviluppo, ma ancora di più lo sono le persone che, con il lavoro e la loro personalità, fanno impresa. Siamo certi che gli imprenditori e tutti coloro che svolgono un’attività lavorativa nel nostro territorio, abbiano compreso che, oltre alle relazioni dentro le aziende, sono importanti anche le relazioni esterne e sociali, al fine di promuovere lo sviluppo territoriale. Identità aziendale e identità territoriale sono l’una lo specchio dell’altra».

IMG 20180620 WA0001