Contenuto principale

RIGENERAZIONE URBANA PER ESTE – Le proposte progettuali esposte in Municipio fino al 1 giugno

Le tavole illustrative delle linee guida del progetto di rigenerazione urbana per il Castello carrarese sono visibili presso la Sala della Magnifica Comunità, al primo piano del Municipio, con i seguenti orari e giorni di apertura:
lunedì - mercoledì - venerdì dalle 9:00 alle 12:30 | mercoledì dalle 15:00 alle 17:30

Per informazioni: tel.: + 39 0429 617 573 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

copertina presentazione

Martedì 8 maggio sono state presentate le proposte di intervento di rigenerazione urbana che vedono Università di Padova e Ascom fare squadra con l'amministrazione comunale per dare nuove idee e opportunità al territorio.
All’incontro, al quale hanno partecipato numerosi operatori economici e cittadini, è intervenuta il sindaco Roberta Gallana, il vicesindaco e assessore alle attività produttive Aurelio Puato, il professor Edoardo Narne del Dipartimento di ingegneria civile dell'Università di Padova, il presidente provinciale Ascom Patrizio Bertin e quello mandamentale Antonio Zaglia.
«Abbiamo valutato e sostenuto l'impegno progettuale dell'Università e dell'Ascom - ha detto il vicesindaco Puato – che ci consente di avviare un cantiere di idee sul futuro urbanistico di Este. Ci siamo confrontati costantemente con i progettisti ma abbiamo anche lasciato loro mano libera affinché potessero darci una lettura nuova e scevra da condizionamenti. Ne è nato un progetto articolato ma leggero, che può darci utili spunti di valorizzazione per una Este che sta vivendo un positivo momento di rilancio turistico e culturale, e che necessita di nuove opportunità».

IMG 20180508 204603

Lo sviluppo del progetto delle linee guida per la rigenerazione urbana per la città di Este è stato elemento determinante per la vittoria, da parte del giovane architetto Thomas Pepino, uno degli artefici del progetto, del prestigioso premio internazionale “RPWT, Il Viaggio del Mondo in quaranta giorni” alla scoperta di molte architetture dello studio RPBW (Renzo Piano Building Workshop) e non solo.

«Un risultato eccellente – ha commentato il prof. Edoardo Narne, responsabile col collega Bruno Messina del MASTER “Forme dell’Abitare Contemporaneo” del Dipartimento ICEA dell’Università di Padova e di SDS Architettura Siracusa – che bissa l’esperienza dello scorso anno dell’ing. Silvia Pellizzari, ora tra i collaboratori, con l’architetto Andrea Corsi e con l'ing.Nicole Trevisan e l'Arch. Ernesto Alberghina , dell’iniziativa estense».

Come è stato ben evidenziato nel corso della serata di presentazione da parte degli intervenuti il progetto parte dall’analisi urbana e territoriale.
Lo studio ha portato all’identificazione di una situazione di disconnessione, in particolare tra il centro e l’area del castello. Per questo motivo la proposta di intervento si focalizza sulla necessità di restituire alla cittadinanza l’uso ed il beneficio di questo spazio.

Nelle intenzioni dei promotori (che a questo punto possono mettere sul piatto il riconoscimento del valore della proposta giudicata di estremo interesse da parte della stessa commissione giudicatrice del premio internazionale RPWT,finanziato dalla Fondazione Renzo Piano) la proposta prende in esame sia l’interno che l’esterno delle mura, con l’orto botanico e la serra che determinano nuovi ambienti didattici e di svago, mentre il parcheggio fuori le mura è un invito alla mobilità sostenibile.

«L’obiettivo di questi nostri interventi – ha sottolineato il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin – è volto a valorizzare nuovi flussi turistici, economici e sociali capaci di produrre, assieme al riscatto di aree urbane che necessitano di essere riorganizzate, anche occasioni di sviluppo».

 Slide presentazione

Vedi le interviste di Telenuovo