Contenuto principale

2^ FESTA DELL'AGRICOLTURA E DELL'ECONOMIA CIRCOLARE

Da domenica 29 aprile a martedì Primo maggio torna la Festa dell'Agricoltura e dell'Economia Circolare organizzata grazie alla collaborazione tra S.e.s.a. e i Comuni di Este e Ospedaletto Euganeo, assieme alle associazioni di categoria del mondo agricolo e ai lavoratori del settore primario.

Armonioso connubio per riconoscere il valore del motore primo della nostra economia, l'agricoltura, celebrando così il 1° maggio, la Festa dei Lavoratori.

Festa Agricoltura 2017 Francesco Trivellato

«Come l'anno scorso tornano gli animali della fattoria per la gioia dei nostri bambini, con la seconda edizione della festa dell'agricoltura - annuncia il sindaco Roberta Gallana -. Visto il successo di pubblico dello scorso anno, abbiamo pensato di ampliarla coinvolgendo il comune di Ospedaletto Euganeo per un appuntamento che spero sia una grande festa della famiglia e del primo settore della nostra economia»

«L'attenzione per i prodotti sani e garantiti dei nostri agricoltori, riportare alla memoria le nostre radici contadine, il modo semplice di stare insieme gustando il buon pane e i buoni salumi del nostro territorio – osserva Gallana - sono temi sentiti dal pubblico di ogni età. Ci riportano alla nostra infanzia e ci ricordano il legame imprescindibile che ogni cosa che ci circonda ha con la terra».

Aggiunge il sindaco di Ospedaletto Giacomo Scapin: «Ho aderito con grande piacere a questa iniziativa legata all'agricoltura, settore che è all'origine dello sviluppo dei nostri territori. Collaborare con Este mettendo a disposizione gli spazi del Tresto e di altri terreni limitrofi per uno degli appuntamenti più attesi della kermesse – la gara di tractor pulling - è l'inizio di future collaborazioni in vista anche del 550° anniversario del Santuario del Tresto. I nostri due comuni sono legati infatti da una storia comune legata al Santuario, dato che secondo la leggenda la Madonna apparve proprio a Este per giungere alla località dove poi sorse il santuario».

La Società SESA promuove la manifestazione con l'obiettivo di mettere in contatto il mondo agricolo con la cittadinanza, valorizzando le eccellenze presenti nel territorio e l'economia circolare che si fonda sul riciclo e il riuso.

Lunedì 30 aprile, alle ore 15.00 presso il Chiostro delle Consolazioni, Sesa organizza il convegno “Dalla terra alla terra – la sostanza organica per il suolo” con la partecipazione di esperti del settore e in collaborazione con il Consorzio Italiano Compostatori.

Inoltre, per Sesa. questa Festa è l'occasione per festeggiare assieme ai cittadini del territorio la vittoria, per il secondo anno di seguito, del premio Legambiente per l'economia circolare, assegnato quest'anno per il potenziamento del Teleriscaldamento e per la forte spinta data all'uso del biometano per alimentare la flotta dei mezzi per la raccolta.

Il programma della tre giorni prevede esposizione di attrezzi e macchine agricole, mostra degli animali, raduno dei trattori d'epoca, sfilata contadina, eccellenze enogastronomiche del territorio, rievocazioni di storie contadine, dimostrazioni di abilità equestre, gara di tractor pulling (1° tappa del campionato italiano) e spettacolo piromusicale.

«Un altro fine settimana ricco di iniziative che valorizzano l'economia del territorio – afferma il vicesindaco Aurelio Puato –. Obiettivo dell'amministrazione è quello di realizzare eventi di più giorni per creare occasioni di attrazione verso la città, che richiamino pubblico e turisti, offrendo proposte diversificate che creino indotto e ritorno economico per il territorio»

L'inaugurazione della Festa è prevista per domenica 29 aprile alle ore 10.00 presso il foro Boario all'interno del Castello di Este.

«Evento nell'evento, è la domenica ecologica in programma domenica 29. E' un'ulteriore messaggio forte - conclude l'assessore all'ambiente Sergio Gobbo - dell'importanza del settore primario per la conservazione e la cura dell'ambiente, ma anche delle relazioni tra agricoltura, ambiente ed ecologia. Mondi strettamente collegati. Una festa quindi che ci porta alla nostalgia del passato e delle tradizioni di una volta, ma con lo sguardo proiettato al futuro, alla tutela del paesaggio e dell'ambiente».

LOCANDINA 2018