Contenuto principale

FUSIONE: OK ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

I sindaci di Este, Baone, Lozzo Atestino e Cinto Euganeo proporranno ai rispettivi consigli comunali l'approvazione dell'accordo per commissionare lo studio di fattibilità per la fusione dei 4 comuni, approfittando degli incentivi regionali previsti dalla DGR 211/2018.

Roberta Gallana: «Sono molto soddisfatta. Come abbiamo sempre sostenuto, iniziare uno studio con un sondaggio serio è la base utile per capire e ascoltare il volere dei cittadini. Con i Sindaci e negli incontri con la cittadinanza sapremo raccogliere i punti di forza del nostro territorio per poterli valorizzare insieme. Le qualità dei paesi che rappresentiamo sono molte e si completano a vicenda. Leggere le criticità e i cambiamenti del futuro e con lungimiranza saperli governare: questa è la sfida che abbiamo come Sindaci, attraverso possibili fusioni. Mantenere e valorizzare le proprie peculiarità è comunque un dovere imprescindibile».

4 sindaci Zampieri Trevisan Gallana Ruffin

Soddisfatto anche il Presidente della Commissione Paritetica: «Mi complimento per la maturità politica dei Sindaci che stanno dimostrando di voler andare oltre la logica dei campanili – dice Roberto Trevisan -. Inizia ora un percorso che avrà bisogno dei giusti tempi per giungere a compimento perché non dimentichiamo che, oltre ai riscontri oggettivi che emergeranno dallo studio, sono i cittadini a dover essere ascoltati».

Luciano Zampieri, sindaco di Baone e Lucio Trevisan, sindaco di Cinto Euganeo, si impegnano ad aderire allo studio di fattibilità per lasciare “in eredità” alla futura amministrazione – entrambi i comuni eleggeranno il nuovo sindaco l'anno prossimo - uno strumento che consentirà una valutazione oggettiva degli aspetti positivi di una eventuale fusione a quattro.

Anche il Sindaco di Lozzo, Fabio Ruffin, crede nell'utilità di elaborare uno studio di fattibilità che rappresenta per il Comune uno strumento informativo di cui approfittare, al fine di supportare le scelte che l'amministrazione comunale dovrà intraprendere a beneficio dei cittadini.

La fusione tra Este, Baone, Cinto Euganeo e Lozzo Atestino darebbe vita ad un comune di quasi 25.000 abitanti per un totale di 100,46 km quadrati di estensione.

«La fusione tra comuni non risponde solo a un'esigenza di reperimento di risorse, per altro importante – aggiunge il vicesindaco di Este, Aurelio Puato - ma anche alla necessità di rispondere alla richiesta di servizi da parte dei cittadini. Una fusione a quattro con Baone, Lozzo e Cinto, darebbe vita al secondo comune della provincia di Padova e rappresenterebbe un'opportunità per affrontare con lungimiranza le sfide del futuro in termini di sviluppo economico e sociale del territorio ma anche di “peso” politico e amministrativo. Un progetto di fusione da portare avanti senza fretta, libero da scadenze burocratiche o di mandato».