Contenuto principale

La Ceramica Artistica di Este

 

Ceramica artistica Este decoro a mano

A questo proposito, si parla di una vera e propria "fuga di manodopera" dalla manifattura di Nove di Bassano, una diaspora che fa diffondere metodi e stili di lavorazione in numerosi centri italiani ed esteri, ma che sopratutto fa eccellere in Este alcune fabbriche, come la manifattura Brunello, situata al ponte della Girometta, la Costa-Fabris, ubicata in Via Settabile e la più importanteCAT, la Franchini con sede in Borgo Schiavin.

Franchini era un orafo e un incisore e decise di fondare la propria fabbrica di terraglie e porcellane, avvalendosi della collaborazione di Jean Pierre Varion, un espertissimo modellatore: questo sodalizio permise la produzione di esemplari in ceramica di gran valore artistico.

Nel Museo di Este, ad esempio, si può ammirare un "Cristo" del Franchini; tra le teche museali sono conservate anche le formelle originali settecentesche, gli stampi trovati nelle vecchie fabbriche, che oggi servono, in copia, per realizzare scodelle, vasi e stoviglie.

Ci sono tre modi per lavorare la ceramica: al tornio, al colaggio, riempiendo gli stampi con terra liquida (tecnica questa impiegata per oggetti di grandi dimensioni), oppure utilizzando delle presse. Una volta realizzato, il manufatto va passato in forno dove diventa "biscotto". A fine cottura è tolto dal forno ed è pronto per essere decorato. Tutte le fasi della lavorazione e delle decorazioni avvengono a mano e per i decori si utilizzano solo colori naturali od ossidi.

Tra le decorazioni caratteristiche delle ceramiche di Este spiccano la frutta e la verdura, come vuole la tradizione più classica. Una volta decorato, l'oggetto è posto in una vasca contenente polvere di vetro; con questo procedimento, noto con il nome di "cristallina", la decorazione appare lucida e non si stacca più. A questo punto il manufatto è pronto per la seconda cottura, mentre una terza è prevista esclusivamente per quegli oggetti che hanno decorazioni in oro o in colore rosso vivo.