Contenuto principale

Venerdì, 24 Gennaio 2020 11:36

POLITICHE GIOVANILI - Visite in azienda per conoscere il tessuto socio-economico del territorio

head estinv


“PIANO DI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE GIOVANILI BASSA PUNTO"
Visite aziendali gratuite per i giovani che vogliono aprirsi al futuro. La prima, il 31 gennaio, presso la MCM Marchetti.

Nell’ambito delle Politiche Giovanili, per l’anno 2020, il comune di Este ha ottenuto ben due finanziamenti della Regione del Veneto: il primo, di 15.000 Euro, per la realizzazione del “PIANO DI INTERVENTI IN MATERIA DI POLITICHE GIOVANILI BASSA PUNTO", il secondo, di 7.000 euro, legato al tema della disabilità e denominato “QUARTA BARRIERA”.
Il contributo di 15.000 euro sarà impiegato per proseguire il piano di interventi in materia di politiche giovanili denominato “BASSA PUNTO”, che si articolerà in tre filoni: “scegliamo il futuro”; “contrastiamo le dipendenze” e “arte, creatività e dialogo”.

«E’ un traguardo importante, per il nostro territorio, aver ottenuto risorse per la realizzazione di interventi a favore dei giovani - afferma Roberta Gallana –; mi auguro che molti rispondano cogliendo l’opportunità di partecipare alle attività in programma. Dal 31 gennaio al 25 febbraio – prosegue il sindaco - sono in calendario sei visite gratuite ad altrettante imprese private e pubbliche del territorio, tra cui figura anche il Comune di Este. Un’opportunità da non perdere per conoscere il tessuto socio-economico del territorio. Il secondo filone di “Este investe” - aggiunge - punta a consolidare le azioni di sistema e la rete tra istituzioni rispetto al tema delle dipendenze; mentre "arte-creatività-dialogo" mira a incentivare la creatività giovanile, mediante la riqualificazione di contesti culturali significativi della città e attraverso attività finalizzate alla crescita sana dei ragazzi, alla socializzazione e alla cittadinanza attiva»

«Il nuovo piano “Bassa Punto” – aggiunge Enzo Ferro, consigliere comunale delegato alle Politiche Giovanili quest’anno, a Este, prende il nome di “Este investe” ed è realizzato dal Comune con la collaborazione tecnica dell’associazione culturale Zagreo. Il filone “Scegliamo il futuro” - spiega Ferro - è il primo a partire e punta a incentivare i giovani, tra i 16 e i 29 anni, a comprendere le dinamiche all’interno delle aziende e degli enti locali; si concretizzerà con la visita a 4 realtà imprenditoriali atestine: la Komatsu, Sesa, Este Ceramiche e MCM Marchetti, e a 2 istituzioni pubbliche: il Comune di Este e l’ULSS 6 Euganea».

Questo il calendario delle visite alle aziende e istituzioni seguiranno il seguente calendario di visita:
• venerdì 31 gennaio | ORE 9.30/11.30 - MCM Marchetti
• mercoledì 5 febbraio | ORE 10.00 / 11.30 - Este ceramiche
• mercoledì 12 febbraio | ORE 10.00 / 12.00 - SESA S.P.A.
• venerdì 14 febbraio | ORE 9.30/11.30 - Komatsu
• sabato 22 febbraio | ORE - Ulss 6 Euganea
• martedì 25 febbraio | ORE 9.30/11.30 - Comune di Este

Le visite sono gratuite e a numero chiuso (20-25 persone), previa iscrizione, entro 5 giorni dalla data, presso il sito internet www.zagreo.it, nella sezione dedicata all’iniziativa, compilando l’apposito form.
Ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione che potrà essere inserito come esperienza formativa nel proprio curriculum vitae. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure ai profili social del Comune di Este, Este Notizie Cultura Eventi, e dell’Associazione Zagreo. Non saranno raccolte iscrizioni attraverso email singole o messaggi inviati ai profili social.

«Siamo soddisfatti che il comune ci abbia incaricato di collaborare alla progettazione e realizzazione di queste importanti iniziative rivolte ai giovani – commenta il presidente dell’Associazione culturale, Emilio Milani - Voglio ringraziare, oltre all’Amministrazione Comunale di Este nelle persone del Sindaco dott.ssa Roberta Gallana e del Consigliere delegato Enzo Ferro per il supporto, anche tutte le aziende e le istituzioni che permetteranno di accedere alle proprie strutture e che, con entusiasmo, hanno accettato di supportare questo progetto. Infine porgo un ringraziamento anche ai numerosi associati di Zagreo coinvolti nella realizzazione del progetto, che dimostrano nuovamente la loro attenzione e la loro propensione a mettersi in gioco per la città di Este che, fin dai primi passi della nostra realtà, ospita l’associazione».

Il secondo filone di “Este investe”, “contrastiamo le dipendenze”, punta a consolidare le azioni di sistema e la rete tra istituzioni rispetto al tema delle dipendenze, oltre che a fornire occasioni di informazione e formazione agli attori interessati; infine, il terzo "arte-creatività-dialogo" mira a incentivare la creatività giovanile mediante la riqualificazione di contesti culturali significativi della città attraverso attività di laboratorio finalizzate alla crescita sana dei ragazzi , di socializzazione e cittadinanza attiva.
“Quarta Barriera”, invece, nasce dalla collaborazione tra l’assessorato alle Politiche Sociali, le Politiche Giovanili, l’associazione Zagreo, la Fondazione IREA Morini Pedrina e l’Istituto professionale Manfredini. Rappresenta un progetto davvero innovativo, in quanto porta in città due laboratori teatrali che mettono la disabilità in dialogo con la cittadinanza, in particolare giovanile.

«Sono davvero tanti i progetti sui quali stiamo lavorando – conclude il consigliere Ferro -, questo ci è possibile grazie al ricco tessuto culturale e sociale che la città offre. Sono soddisfatto del lavoro che stiamo facendo, con il proposito di migliorare sempre di più».

ESTE INVESTE SCEGLIAMO IL FUTURO VISITE AZIENDE